logo offbeat
offbeat
luglio 05, 2018 - HI-MACS

La nuova terrazza futuristica dell'aeroporto di Francoforte

Allacciate le cinture! L'aeroporto di #Francoforte ha finalmente inaugurato l'Open Air Deck in HI-MACS®

Lo scorso aprile Fraport AG, la società operativa dell'Aeroporto di #Francoforte, il più grande della Germania, ha inaugurato un'incredibile terrazza nell'area del Terminal 1. Situata nella zona di transito, la terrazza, chiamata "Open Air Deck", accoglie i visitatori con un'impressionante vista panoramica sulla zona di stazionamento dei velivoli. A rendere unico l'ambiente è anche il sistema di complementi d'arredo in HI-MACS®, che dà a un'invitante zona di relax grazie alla quale i viaggiatori possono godere dell'aria aperta e della luce del sole durante la loro attesa.

Il #design organico dei complementi d'arredo
La realizzazione degli arredi di questa terrazza di 138 metri quadrati è opera del prestigioso Studio 3deluxe, un team interdisciplinare noto per il suo riconoscibile stile organico e le forme fluide dei suoi progetti. 
Ritroviamo queste caratteristiche anche nell'Open Air Deck: ne è un esempio la panchina in HI-MACS® Alpine White che costeggia la balaustra di vetro, che è voluminosa e fluida, come modellata dal vento. 

Meticoloso #design dei dettagli
Per i 20 metri lineari dell'arredo i designer hanno scelto HI-MACS®, solid surface resistente non solo ai raggi UV, ma anche alle intemperie e agli sbalzi termici, dunque in grado di conservarsi nel tempo. Il solid surface, inoltre, è l'unico materiale che si può lavorare in maniera tale da eliminare i segni di giunzione alla vista, per sviluppare complementi che sembrano ricavati da un unico blocco di materiale: continui, fluidi, omogenei e puliti.

La produzione degli arredi è stata affidata all'impresa bavarese Georg Ackermann GmbH, che ha portato a termine il lavoro in sole quattro settimane. La prefabbricazione, avvenuta nello stabilimento di Wiesenbronn, ha dato origine a elementi curvati in modo da formare due assi con raggi ridottissimi. Gli stessi, poi, sono stati assemblati e rifiniti direttamente in aeroporto in due ulteriori settimane, lavorando solo ed esclusivamente di notte per consentire alle gru di trasportare i prodotti e di issarli poi sul tetto, senza intralciare le quotidiane operazioni dell'aeroporto.

Maggiori informazioni nel comunicato stampa da scaricare