logo offbeat
offbeat
settembre 30, 2016 - comune carpi

FESTA DEL GIOCO - 
Bambini e ragazzi ingegneri del mondo, i giochi di costruzione che progettano il futuro

FESTA DEL GIOCO 
Bambini e ragazzi ingegneri del mondo. I giochi di costruzione che progettano il futuro

Il centro storico di #carpi ospita due giorni di eventi dedicati al gioco, seguendo come parola chiave il verbo costruire: decine i laboratori didattici e le attività ludiche in programma nelle piazze, nelle scuole, nei musei e negli spazi culturali della città, passando dalla realizzazione di costruzioni modulari alla progettazione di piccoli robot.


Sabato 1 e domenica 2 ottobre 2016 la città di #carpi (Modena) ospita la prima edizione della Festa del Gioco, rassegna che anima il centro storico della località emiliana con decine di incontri, dibattiti, laboratori didattici che ribadiscono la centralità della pratica ludica come facilitatore relazionale e come momento fondamentale per l’educazione e la formazione di ogni individuo. Il progetto, a cura del Castello dei Ragazzi, sostenuto dal #comunedicarpi e dall’Unione delle Terre d’Argine, prosegue il calendario di InCarpi, ideato con lo scopo di costruire una rete di iniziative di promozione e valorizzazione culturale del territorio. 
Gli appuntamenti di questa edizione sono costruiti attorno al tema chiave del “costruire”, seguendo il duplice binario dell’analogico e del digitale, con particolare attenzione ai linguaggi multimediali e alle più recenti innovazioni tecnologiche.

È proprio grazie alla collaborazione con la Scuola di Robotica di Genova e con La Tata Robotica di #carpi, soggetto attivo da anni nel campo della divulgazione scientifica sui temi dell’ingegneria e dell’elettronica, che la Festa del Gioco propone un approfondito percorso rivolto agli ultimi sviluppi delle tecniche multimediali. Passando dalle dimostrazioni guidate di volo con i droni agli esperimenti di stampa 3D, per arrivare alla programmazione e all’effettiva costruzione di piccoli robot in grado di esplorare l’ambiente circostante e di evitare gli ostacoli.

I temi della robotica, centrali in questa edizione della rassegna, vengono approfonditi anche dal punto di vista teorico nel corso di due incontri-dibattito organizzati a Palazzo dei Pio e all’Auditorium della Biblioteca Loria. In Robot, fantascienza e realtà è il due volte Premio Andersen Bruno Tognolini, consulente della Festa del Gioco e tra i maggiori scrittori italiani per l’infanzia, a passare in rassegna la storia della robotica e suoi possibili sviluppi, partendo dalle narrazioni fantascientifiche di Isaac Asimov per arrivare all’uso delle Google Car; in Robotica e roboetica. Dai sogni alla fantascienza, alla realtà dei robot oggi è invece la co-fondatrice della Scuola di Robotica di Genova, Fiorella Operto, a indagare le potenzialità e gli inevitabili rischi della sempre più massiccia presenza delle nuove tecnologie nella nostra vita quotidiana.

Il programma di eventi rivolti all’ambiente digitale e ipertecnologico si accompagna a un cartellone di iniziative che guardano invece alla sfera dell’analogico, e che trova nei giochi spaziali e nelle installazioni di ma0, studio di architettura romano che lavora sulla interdisciplinarietà tra linguaggi diversi, la propria ragion d’essere. Sono tre le floating architecture, costruzioni galleggianti realizzate assemblando tra loro colorati salvagente gonfiabili, che prendono posto nel cuore di #carpi – Catena di colori lungo via Paolo Guaitoli, Labirinto in piazza Martiri e Nuvola nel Cortile d’onore di Palazzo dei Pio – trasformando lo spazio urbano in un contesto da reinventare costantemente.

In Piazza Martiri, per tutta la durata della due giorni, sono a disposizione di bambini e ragazzi giochi di movimento come i celebri Tappeto Snug e Tappeto Bakoba; ma anche kit dei più apprezzati giochi di costruzione: dai Lego delle serie Star Wars ai Lego Duplo – dedicati ai più piccoli – fino ai Gigi Giant Building Blocks.

Filtro avanzato