logo offbeat
offbeat
giugno 21, 2016 - Foodora

Food delivery e recruiting si incontrano: foodora e Jobyourlife insieme per cambiare l'ingresso nel mondo del lavoro

Nasce una #partnership tra due startup di successo, Jobyourlife, il più grande professional network Made in Italy, con 1 milione di utenti, e foodora, la prima startup ad aver consegnato piatti gourmet a domicilio, attiva a Milano e Torino.

Il mercato del lavoro in Italia ha visto una crescita graduale negli ultimi anni, e alcune ricerche prevedono che entro il 2020 ci saranno 2,5 milioni di nuovi ingressi; in questo contesto, recruiting e food delivery si incontrano per trasformare la prima giornata all’interno di un nuovo contesto lavorativo in una piacevole esperienza, combattendo l’ansia e lo stress.

Da oggi, i nuovi assunti nelle aziende tramite la piattaforma #jobyourlife saranno accolti insieme ai colleghi durante il loro primo giorno di lavoro da una colazione in ufficio.

Questo momento di condivisione, organizzato da #foodora, renderà più piacevole le prime ore nell’azienda, facilitando la conoscenza dei nuovi colleghi.

“L’obiettivo - spiega Andrea De Spirt, CEO e fondatore di #jobyourlife - è riuscire, con un piccolo gesto, a trasformare il primo giorno di lavoro in una nuova realtà aziendale in un momento più rilassato e sereno. Grazie a una colazione con tutti i nuovi colleghi, chi è stato appena assunto riuscirà a entrare in contatto con i suoi nuovi compagni d’avventura in un modo informale e tranquillo, che lo farà sentire subito accolto e integrato.”

“Il primo giorno di lavoro è un momento di incertezza per chiunque, non sai ancora a cosa stai andando incontro, e come saranno i colleghi che vedrai tutti i giorni. Il buon cibo è un’arma potente, che fa incontrare in un attimo due persone sconosciute: quale miglior modo, quindi, se non un’ottima colazione per rompere il ghiaccio?” commentano Matteo Lentini e Gianluca Cocco, Managing Director di #foodora.

Questa colazione è il primo benefit aziendale a disposizione del nuovo assunto, un modo diverso dal solito per dargli il benvenuto all’interno del team. Negli ultimi tempi il tema dei benefit aziendali è stato molto discusso, soprattutto all’estero: le aziende tech/startup si sfidano tra loro concedendo benefit sempre più importanti, mentre in Italia ancora non è una pratica consolidata. In realtà è ormai certo che un lavoratore contento lavori meglio, soprattutto quando sa che l’ambiente che lo circonda apprezza il suo lavoro e lo gratifica.

I profili più ricercati e le previsioni occupazionali future, in Italia

La collaborazione tra le due startup si muove in un contesto delicato, quello legato al mondo del lavoro, e agisce cercando di portare il proprio contributo concreto, seguendo le correnti positive di questo periodo, che vede una leggera ripresa.

Nel primo trimestre del 2016, infatti, secondo i dati Istat, l’occupazione ha visto una lieve crescita rispetto al trimestre precedente, con un aumento dei dipendenti a tempo indeterminato.

Inoltre, un rapporto realizzato da Unioncamere in collaborazione con Gruppo CLAS, sottolinea un altro dato positivo per il futuro: secondo le previsioni, saranno 2,5 milioni le persone che entreranno nel mondo del lavoro, in Italia, entro il 2020.

In particolare, i profili economico-statistici, le professionalità in campo medico e gli ingegneri saranno le figure più ricercate.