logo offbeat
offbeat
giugno 17, 2016

Countdown per il record del mondo in Cina

Comunicata la data: sarà il 21 settembre il giorno in cui Fabio Barone tenterà il World Guinness #record sulla strada della Tianmen - Una grande festa per la Ferrari 458 Italia, pronta ad imbarcarsi per la Cina

* * *

Roma - Ieri sera Piazza Sempione si è trasformata in una sorta di raduno Ferrari, con tante "rosse" parcheggiate ad attirare l'attenzione di grandi e piccini. Per i loro "owners" c'era un evento al quale non si poteva mancare: un incontro di Fabio Barone con i media - ma anche con gli amici - per parlare della sua prossima impresa internazionale. Madrine della serata le attrici Samantha De Grenet, Angela Melillo e Roberta Scardola.

Il China Speed World #record si avvicina, e il countdown è già iniziato: il 21 settembre, alle 10 ora locale, Fabio Barone, presidente del club Ferrari Passione Rossa, siederà al volante della sua 458 Italia e darà il via al nuovo tentativo di #record del mondo di velocità, dopo aver già scritto il suo nome nel World Guinness #record lo scorso agosto con un primato nei Carpazi. Quest'anno Barone si è prefisso di percorrere nel minor tempo possibile i 99 tornanti della Tienmen Mountain Road, definita "la strada più pericolosa al mondo", con la sua larghezza di appena 3 metri e senza guardrail per oltre 10 km.

"Sono consapevole del fatto che l'impresa non lascia margine di errore", ha detto Barone. "Vietato sbagliare: la strada sale fino a 1.700 metri e tutte le curve sono prive di protezione. In pratica si avvolge su se stessa guardando sul precipizio..."

E' stata una prima full immersion nelle atmosfere orientali in attesa di sbarcare in Cina: la serata si è svolta infatti al Tian Tian Sushi di Roma: la proprietaria, Marisa, è nata in Cina ma vive in Italia da 18 anni e ma le Ferrari tanto da incantarsi al loro passaggio. Per questo ha voluto festeggiare il primo anno di attività del suo locale proprio con le "rosse" del club di Fabio Barone.

Durante la serata si è svolto un incontro con Samantha De Grenet, Angela Melillo e Roberta Scardola, che hanno bersagliato Barone con le loro domande: dai gesti scaramantici alle strategie per combattere il nervosismo la notte prima del #record, le tre artiste hanno voluto sapere ogni dettaglio dell'impresa, pur dimostrando un approccio al mondo dei motori completamente diverso l'una dall'altra.

Angela Melillo ha dichiarato di non intendersi affatto di motori e di non saper guidare nemmeno il motorino. "Non salirei mai in macchina con Fabio su una strada pericolosa come quella..." ha detto la soubrette.

"Troppo pericoloso... non per sfiducia nei suoi confronti, ma perché se lui stesso ha deciso di correre senza navigatore, significa che il rischio c'è", fa eco Samantha De Grenet, che subisce però il fascino dei motori e ricorda di essere stata madrina ad un rally non molto tempo fa.

"Io invece amo la velocità e gli farei volentieri da navigatrice", ha dichiarato Roberta Scardola, con gli occhi che le brillavano già all'idea. "Una volta Fabio mi ha messo in mano la sua Ferrari sul circuito di Magione e con lui al fianco è stato emozionante scatenare tutta quella cavalleria..."

Le tre first ladies della serata hanno poi annunciato i prossimi futuri impegni: Angela Melillo inizierà ad ottobre lo spettacolo "Una fidanzata per papà" insieme a Sandra Milo al teatro Tirso de Molina; Samantha De Grenet sta lavorando ad una trasmissione TV tratta dal suo blog Ilovebimbo.com dedicato al mondo dei piccoli; Roberta Scardola è reduce da un anno di tournée teatrale con lo spettacolo "Questa volta te lo dico che ti amo" e dal 23 al 31 luglio presenterà per il quinto anno consecutivo il Social World Film Festival a Vico Equense, kermesse internazionale nella quale tanti nomi del cinema e della TV sfileranno sul red carpet.

Roberta Scardola sarà anche madrina al Ferrari Day a Torino l'8 luglio, sempre con Fabio Barone.

Intanto la Ferrari 458 Italia è pronta ad imbarcarsi per il lungo viaggio in nave verso la Cina, dove Fabio Barone e la sua squadra rappresenteranno ufficialmente l’Italia: l’iniziativa ha ricevuto, infatti, anche il patrocinio del Consolato Generale d’Italia a Canton.